Vuoi parlare in pubblico? inizia con le basi
1278
post-template-default,single,single-post,postid-1278,single-format-standard,bridge-core-2.3.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive,elementor-default
PARLARE IN PUBBLICO

VUOI PARLARE IN PUBBLICO: Inizia dalle basi!

Per parlare in pubblico, inizia dalle basi

Viviamo una società accelerata, dove chi arriva prima vince, presidia il territorio, conquista nuove terre.

Questo però non  vale per tutte le situazioni, sopratutto quando l’obiettivo è quello di comunicare in maniera efficace.

Le basi sono necessarie per qualsiasi attività che vogliamo svolgere, che sia per passione, per hobby o per lavoro, non importa, senza le fondamenta giuste nulla regge nel medio lungo termine.

15 anni fa, prima di intraprendere la strada che oggi mi porta a ricoprire il il ruolo di Infotainer & Trainer formativo, lavoravo come mago in corsia nei reparti oncologici pediatrici del Regina Margherita e del Martini di Torino.

Un’esperienza unica, difficile dal punto di vista umano e comprenderete il perché, un percorso che mi regalato tanto, quel tanto che oggi entra nelle aule formative.

Parlare in pubblico:

Senza le basi, dove vai?

(Tutto ebbe inizio nelle corsie di ospedale)

Fu in quel periodo di transizione che ebbi un click che prese il sopravvento alcuni anni dopo.

Numerose mamme, nonostante l’attività molto delicata, sovente mi dicevano:

“Complimenti, non tanto per quello che fai che o fai bene, ma per quello che dici mentre lo fai”.

Quello che dici mentre lo fai: stavo forse diventando un mago delle emozioni? 

Si, perché  le parole entrano nell’animo delle persone e per parlare in pubblico servono le basi, sopratutto quelle collegate alle emozioni.

Con le parole dimostri se sei sincero o no, se sei emozionato, se credi a quel che stai sostenendo.

Con le parole emozioniamo, trasciniamo, coinvolgiamo, permettiamo alle persone di prendere decisioni.

Parlare in pubblico:

Iniziamo dalle basi

Se non costruisci fondamenta sane, crolla tutto il castello

Con quelle basi colorerai il mondo che ti circonda, utilizzerai parole che si trasformeranno in un giardino ricco di profumi. 

Prima di salire su un palco quale sarà il tuo ruolo?

Informare? Intrattenere? Convincere? Far riflettere? Motivare?

Quando saprai la risposta passerai al secondo step.

Decidere  come iniziare:

con una metafora? un vissuto personale? un video? una musica di sottofondo?

Ok, allora scriviamo una  storia che contenga a suo interno uno di questi elementi.

Terzo step:

Rileggi il testo, elimina le parole basse, oscure e contratte e sostituiscile con parole alte, luminose e fluide (cit. P.Borzacchiello). Inserisci i segnali di pausa.

Le pause all’interno di uno speech, le pause tra un passaggio e l’altro, le pause che fanno riflettere.

Quarto step:

Mettiti davanti ad uno specchio e inizia a leggere il tuo testo  rispettando le pause  e mentre lo fai gestisci la tua respirazione imparando a parlare lentamente.

Registrati, riguardati, correggiti, sii il giudice più severo per te stesso.

Quinto  step:

prepara il tuo Key note o PPT:

Frasi brevi, immagini emozionanti, seleziona le musiche per i punti salienti, seleziona i video che supporteranno i diversi step del tuo intervento.

Parlare in pubblico:

prove, prove e ancora prove

E poi riprova, riprova, riprova senza mai studiare a memoria.

Il tuo testo è solo un canovaccio, un filo rosso che ha un inizio, un durante ed una fine, quando chiuderai e lascerai  il tuo messaggio finale per spingere la persone ad agire.

P.s tutto questo non è solo parlare su un palcoscenico.

Il palcoscenico è in ogni luogo della tua vita quoitidiana, reale o virtuale da dove tu mandi un un messaggio.

È tutto possibile, devi solo affidarti alle competenze in grado di stimolare le tue capacità e trasformarle in energia.

Contattami per il tuo corso di Public speaking & Social gianvito@infotainer.it

Mobile 339 801 54 51

IL PRIMO STORY TELLING CON UN GIOCO DI PRESTIGIO


Consento al trattamento dei miei dati (richiesto)


Domanda Anti SPAM: scrivi il risultato dell'operazione matematica


No Comments

Post A Comment