Economicamente, l'educazione finanziaria nelle scuole
1297
post-template-default,single,single-post,postid-1297,single-format-standard,bridge-core-2.3.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive,elementor-default
ECONOMICAMENTE ANASF

ECONOMICAMENTE, L’EDUCAZIONE FINANZIARIA NELLE SCUOLE

Economicamente

L’Educazione finanziaria nelle scuole:

Preparare un’intervista significa mettere a proprio agio i propri ospiti e permettere loro di entrare in connessione con gli  spettatori.

Una connessione che deve trovare le basi nella semplicità dell’esposizione, nell’argomentazione dei contenuti che devono risultare comprensibili a  tutti.

“Spiegatemelo come se avessi 5 anni”? (Cit. Philapelphia)

Invito la Dott.ssa Alma Foti, consulente finanziario e membro del comitato esecutivo dell’area educazione finanziaria  in Anasf (Associazione nazionale Promotori finanziari).

La Dott.ssa Foti è la  mente creativa di questo e un altro progetto di cu parleremo a breve.

ECONOMICAMENTEIl secondo invitato è il Dott. Silvio Iacomino, consulente finanziario e coordinatore in Anasf per i progetti legati all’educazione finanziaria e ai rapporti con i risparmiatori. 

Inizia così il  viaggio.

Un viaggio permetterà a tutti  coloro che seguiranno l’intervista, di comprendere in maniera semplice, un argomento per molti solo apparentemente complesso. 

ECONOMICAMENTE:

L’EDUCAZIONE FINANZIARIA SPIEGATA NELLE SCUOLE

 

Il mondo dell’educazione finanziaria viene sovente ed erroneamente collegato ad un mondo scivoloso. 

Consapevoli di questo fattore, Alma Foti in collaborazione con la società Progetica, nel 2011 mette  in piedi “ECONOMICAMENTE”. 

Il progetto nasce con lo scopo di fornire ai giovani gli strumenti di conoscenza della finanza comportamentale.

Insegnare ai giovani quanto sia importante scandire gradualmente il proprio percorso fin da giovani.

Passi significativi che andranno a tutelare i loro sogni, gli obiettivi e i traguardi di vita legati alla propria vita personale e professionale. 

Un progetto partito in sordina con soli 300 studenti ma che  in soli  9 anni ha coinvolto 770 corsi, 1300 classi ed  oltre 300 scuole secondarie di secondo grado. 

ECONOMICAMENTE ANASFUn’intervista  piacevole  con due professionisti che sono riusciti a descrivere un percorso, quello di questi primi 9 anni, ricchi di sorprese.

Perchè i giovani, i millenians di oggi, oltre ad essere i futuri investitori di domani, saranno i depositari del significato del risparmio declinato in ottica di Economia circolare. 

Economicamente:

L’Educazione finanziaria nelle scuole

 

Esistono persone finanziariamente educate e altre finanziariamente maleducate?

Le  risposte di Alma foti e Silvio Iacomino aprono un mondo che parla prima di tutto del rispetto che dobbiamo avere  del tempo, elemento fondamentale  per raggiungere i nostri obiettivi. 

Nulla arriva nell’immediato.

È necessaria costanza, perseveranza, fiducia (che prima di tutto deve essere in noi stessi).

Subito dopo entriamo nel vivo della materia condividendo  alcuni concetti base legati al progetto

“Economicamente: l’educazione finanziaria nelle scuole”.

 

Parliamo  di diversificazione: una assett allocation corretta prevedere una suddivisione del patrimonio su più fronti.

Parliamo di  pianificazione: capire il proprio progetto futuro e metterlo nero su bianco, consapevoli che nel corso del tempo, potrebbe modificarsi.

L’agire contro intuitivo: perché davanti ad un crollo dei mercati molti scappano, al contrario dovrebbero utilizzare il momento per tutelare i propri risparmi.

Questo sono solo alcuni degli ingredienti che possono essere traslati in ogni settore della nostra vita, perché anch’essi  fanno parte di un pensiero legato ad un’economia circolare che lotta per  un mondo migliore, sano. 

ECONOMICAMENTE ANASFAlma Foti nel 2018 ha voluto condividere e semplificare una modalità di pensiero sovente errata.

Ha unito  due competenze diametralmente opposte, quelle dell’Infotainer, nella mia figura e del Prof. Bertelli, docente ed esperto di educazione finanziaria all’Università di Siena.

Ha preso vita così il  formacolo (tra formazione e spettacolo) dal titolo “Finanza realtà o illusione?”.

Rivolgendosi ai risparmiatori, questo format ha dato loro alcuni strumenti utili per comprendere in maniera divertente, i processi legati agli investimenti finanziari.

A Milano digital week con il progetto Happy Share, è accaduto questo: abbiamo messo in connessione competenze trasversali per far capire al nostro publico quanto sia importante trovare soluzioni alternative a problematiche solo apparentemente complesse. 

Perché ricordiamolo tutti: dietro ogni forma di sviluppo del pensiero che poi si trasforma in azione, ci siamo noi, essere umani, pensanti, connessi, senza distinzione di razza, cultura, provenienza ed etnia.

Questa connessione crea economia circolare. 

Questo è l’obiettivo principale del progetto :

“Economicamente: l’educazione finanziaria nelle scuole”

Un saluto a tutti voi e buona visione del video.

L'intervista durante la Milano Digital Week


Consento al trattamento dei miei dati (richiesto)


Domanda Anti SPAM: scrivi il risultato dell'operazione matematica


No Comments

Post A Comment