Covid19 il corretto mind set Gianvito artigiano di emozioni Trainer & Coach
1608
post-template-default,single,single-post,postid-1608,single-format-standard,bridge-core-2.3.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-24.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1412

Covid 19 il corretto mind set

CAMBIARE MODO DI VEDERE IL MONDO INTORNO A NOI

Tutti quanti siamo consapevoli delle emozioni delicate che stiamo gestendo in questo lungo periodo di pausa obbligata.

L’ostacolo da superare non è semplice. Per renderlo tale, ogni giorno è necessario imparare a  modellare pensieri e parole che illuminino i nostri pensieri. Questo come punto di partenza,  aiuterebbe la nostra mente a cambiare prospettiva, direzione dello sguardo e della conseguente azione per un vivere più sano e di qualità.

Il Mind Set ideale?

  • rimanete connessi con le persone che illuminano la vostra vita
  • siate disponibili con chi rimane indietro
  • ascoltate, veramente. ascoltate in silenzio e poi, domandate. Domande aperte che aprono spazio riservati ad una solida alleanza
  • non lasciatevi influenzare dalle informazioni se prima non le avete controllate da diverse fonti
  • dove vedete qualche cosa che si spegne cercate il luogo dove qualche cosa si riaccende e prende vita.

Come diceva con parole semplici Pablo Neruda:

Nascere non basta. È per rinascere che siamo nati. Ogni giorno”.

Una storia di rinascita ai tempi di Covid19

Il corretto Mind set

Questo Bonsai di olmo mi è stato regalato a Febbraio 2020.

L’ho chiamato Montecristo e quando l’ho preso in mano la prima volta era ricco di foglie,  affascinante, bellissimo.

Mi sono informato dappertutto per avere le nozioni necessaire per  prendermi cura correttamente di questo dono. Ho dato il meglio di me stesso,  che poi si è dimostrato  non abbastanza.

Sebbene io ci abbia messo tutte le migliori intenzioni, con gran dispiacere, Monte Cristo ha ceduto.

Henri Cartier-Bresson diceva “Si muore tutte le sere, si rinasce tutte le mattine: è così. E tra le due cose c’è il mondo dei sogni.”

Nel periodo in cui mi sono preso cura del bonsai, in parallelo ho visto crescere nel vaso una minuscola piantina.

Lì per li non ho dato importanza alla cosa ma con il tempo, più il bonsai si spegneva, più quella piantina cresceva e si allargava sul vaso creando un delicato e piccolo prato. [/vc_column_text]

L’arte del “Kintsugi”

Nell’arte Giapponese del kintsugi, dove “Kin” sta per oro e “tsugi” per riunire, ricollegarsi, l’arte delle cicatrici preziose, la ceramica spezzata riprende vita con l’oro tra le fratture dei cocci.

L’oggetto aumenta di valore, diventa ancora più prezioso. 

Non parliamo di valore monetario ma simbolico ed evocativo, perché depositario di una memoria.

mind set

In tempo di Covid19, tra le tante bellissime cose che mi sono accadute e che ho fatto accadere con il Mind set corretto, ho imparato l’essenza della resilienza, parola già desueta per i molteplici neofiti della lingua italiana. 

È invece la resilienza, per chi applica correntemente le tecniche di pensiero laterale e cambio di prospettiva,  ci permette di affrontare momenti di crisi e di profondo trauma sociale, economico, sanitario, come quello che stiamo vivendo in questo anno che verrà ricordato da  tutti come la regia di Stephen King.

Covid19: il corretto mind set

Possiamo crescere, attraverso l’esperienze dolorose, perché la crescita arriva solo attraverso il dolore, come MonteCristo, che mentre si spegneva lentamente dalla terra e dalle sue radici dava vita a qualcosa di altro, delicato unico e prezioso. 

La vita ci pone continui quesiti, non a tutti rispondiamo correttamente. 

Il quesito che mi sono posto pensando a questo periodo veramente sfidante (e non lo scrivo per dare peso ad una tipica parola da PNL per convincere qualcuno del contrario) è: “Cosa posso fare per gli altri?”. 

È la domanda che lo scrittore Simon Sinek, autore del libro “Il gioco infinito” collega a quello che lui definisce ”Pensiero infinito”.

Come nel Kintsugi anche io ho colato oro tra le fratture dei miei dubbi e delle mie paure.

L’ho versato tra le incertezze e le amarezze delle lunghe giornate silenziose che lentamente si sono riempite di altri suoni quotidiani che hanno preso vita per rinascere. 

Ed oggi sono quel bonsai che sta riprendendo vita in un’altra forma.

Sto leggendo, mi sto informando e formando, sto creando connessioni, ho idee che  metto nero su bianco o davanti ad una telecamera, sto continuando il mio libro, mi prendo cura della mia compagna di vita e mi coccolo il mio spiritosissimo bassotto. 

 

No Comments

Post A Comment